top of page
  • Immagine del redattoreFlavia Novelli

Il corpo di mia madre

Il corpo di mia madre era un monumento Un altare su cui pregare per ottenere amorevole nutrimento Il corpo che mi ha generata il corpo da cui sono nata era carne parole e calore Era scontro e confine fra patria e terre lontane Era la sicurezza dell’abbraccio e la potenza del distacco Era il diario dei miei giorni Finché un paio di forbici non l’hanno spogliato dell’ultimo terreno legame Il corpo di mia madre ora è un’ingombrante assenza




4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page